La Sicilia grande protagonista al Workshop “Verso un’Economia Circolare a Rifiuti Zero”

A Siracusa, lo scorso 18 settembre esperti di tutta Italia si sono confrontati per discutere su come in Europa e quindi in Italia si stia passando da un modello di economia lineare a quello di economia circolare.

Françoise Bonnet, direttore di ACR+, ha evidenziato come già da anni gli esperti del settore si stiano muovendo in questo senso e che nel concetto di sostenibilità sia implicito il concetto di economia circolare. Diversi i settori dove questo nuovo modello viene declinato e per questo durante il workshop “Verso un’economia circolare a rifiuti zero” si sono svolte una serie di tavole rotonde per affrontare il tema della sostenibilità ambientale sotto vari aspetti: dalla prevenzione dei rifiuti con la GDO ai centri di riuso (grazie alla preziosa collaborazione dei partner del progetto No Waste), dall’educazione e comunicazione ambientale alla progettazione dei servizi fino alla tutela dell’ecosistema marino e costiero (marine litter).

SVI.MED, Centro Euromediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile, ha invitato esperti e enti nazionali a confrontarsi sulle proposte, sulle opportunità e sulle buone pratiche in atto in Europa e in Italia.

Svi.Med. Ragusa, Ambiente Italia e la Regione Marche, i tre partner italiani del progetto Zero Waste Pro (finanziato dal programma MED), hanno voluto organizzare questo momento di confronto in Sicilia per dimostrare come un “problema” possa essere considerato un’opportunità per il futuro, se inserito in una visione e un modello economico più ampio.

La partecipazione al workshop (più di 150 persone) ha dimostrato che gli attori chiave del territorio siciliano sono pronti ad avviare processi sostenibili e a confrontarsi sia a livello Europeo che del bacino Mediterraneo.

Lorenzo Bono (Ambiente Italia), moderatore della tavola rotonda sull’”educazione e comunicazione ambientale” ha dichiarato: “l’informazione e l’educazione hanno un ruolo fondamentale nelle politiche di riduzione dei rifiuti e devono essere pensate in modo strategico a 360 gradi coinvolgendo cittadini, rete di distribuzione e aziende produttrici. Una corretta informazione anche nell’ottica di trasparenza dei dati pubblici rappresenta il punto di partenza imprescindibile!”.

Giuseppe Dodaro, moderatore della tavola rotonda sul “marine bitter”, ha spiegato, alla fine del workshop, che ”La presenza dei rifiuti solidi (marine litter) in ambiente marino e costiero costituisce una seria minaccia per la salute umana e per la conservazione degli ecosistemi, nonché un forte fattore di impatto economico per le località balneari e per gli operatori del turismo della pesca. Il convegno ha riunito i massimi esperti del settore in Italia che hanno discusso le problematiche e si sono confrontati sulle buone pratiche da mettere in atto”.

“Sempre più esperienze territoriali presentate a Siracusa, dimostrano che è possibile attivare centri del riuso a livello locale per incentivare il riutilizzo e la preparazione ai fini del riutilizzo per prevenire la produzione dei rifiuti e spingere il recupero degli stessi. Per rendere tale attività permanente e diffusa gli elementi da rafforzare sono: il quadro normativo da definire e semplificare, il coinvolgimento e la chiarezza dei ruoli dei vari attori e la connessione con il settore degli operatori già esistenti nel settore dell’usato”, è stato il commento di Mario Sunseri di  Rifiutilab, moderatore della tavola rotonda sui Centri di Riuso.

Il progetto Zero Waste Pro vede coinvolti 11 partner di 8 paesi differenti (Grecia, Italia, Francia, Spagna, Malta, Slovenia, Croazia, e Serbia) con lo stesso obiettivo: capitalizzare prodotti e strumenti esistenti per promuoverli in maniera più chiara e semplice a diversi attori chiave del territorio: enti pubblici e privati, scuole, associazioni e cittadini.

Prossimi appuntamenti ad Ecomondo (Rimini 7 Novembre 2014) e a Ptuj (Slovenia – 19 Novembre 2014).

Per maggiori informazioni sul progetto www.zerowastepro.eu

Per visionare gli atti del workshop si rimanda alla sezione documenti

 

Pubblicato nella News